Perché non dimagrisco? 

Alcune persone non si porranno mai questa domanda, poiché fin dalla nascita hanno la fortuna di mangiare tutto quello che vogliono, senza ingrassare nemmeno un etto, tuttavia, ci sono altre persone, soprattutto di sesso femminile, che sono continuamente ossessionate dal loro peso corporeo.

Molte persone credono erroneamente che l’eccesso di peso, sia una conseguenza di un solo fattore sbagliato (dieta, inattività fisica, metabolismo lento, ecc..), ma la maggior parte delle volte, un eccesso di massa corporea è la diretta conseguenza di strategie alimentari o comportamentali errate.

Questa guida  ti illustra tutte le cause, e i migliori rimedi naturali, per eliminare i chili di troppo, e riottenere una silhouette magra e snella.

 

Adesso ti elencherò tutti i fattori, che svolgono un ruolo di primaria importanza nella perdita dei chili in eccesso. 

Le domande che solitamente mi pongono sono: perché anche se mangio poco, non dimagrisco?; perché anche facendo dieta e palestra, non perdo peso?, perché anche mangiando poco, ingrasso?

Questa guida ti permetterà di capire quali siano i comportamenti da evitare, e da adottare se vuoi perdere peso in modo sano e naturale.  

Due persone possono avere gli stessi problemi di peso, ma avere cause totalmente differenti che hanno portato a questo eccesso di peso.

Esempio: Una persona può avere problemi di peso, perché non pratica nessuna forma di attività fisica. In questo caso, la sua difficolta perdere peso è imputabile alla sua sedentarietà.

Un altro soggetto può avere problemi di peso causati da una carenza di ormoni della tiroide. Una carenza degli ormoni tiroidei, è riscontrabile nei soggetti con ipotiroidismo, o nelle persone anziane.

Un’altra persona potrebbe essere obesa, a causa di strategie alimentari scorrette ( non conta le calorie, pasti troppo abbondanti, o eccessivamente ricchi di carboidrati ecc..)

Perchè non riesco a perdere peso: Tutte le cause

I fattori di rischio, che possono rendere difficoltoso la perdita del grasso ostinato sono:

  • inattività fisica
  • alimentazione sbagliata
  • non contare le calorie
  • abbinamenti alimentari sbagliati
  • non bere abbastanza acqua
  • non consumare abbastanza proteine
  • eccesso di stress, ansia o preoccupazione
  • carenza di ormoni tiroidei o ipotiroidismo
  • seguire diete eccessivamente povere di calorie
  • avere una digestione debole
  • eccesso di tossine nell’organismo

Queste sono tutte le cause che possono rendere difficoltoso il dimagrimento. 

Ora andremo ad analizzare punto, per punto ogni causa, e scopriremo, come eliminarla.

Alimentazione sbagliata

Questo è un punto importantissimo da non sottovalutare, poiché molte persone credono che consumare un regime alimentare di sole 1400 Kcal, poter consumare liberamente qualsiasi alimento. Niente di più sbagliato!

Esempio: Sebbene consumare 300 Kcal di torta, possa essere uguale a consumare 300 Kcal di mele, nell’organismo queste calorie si comportano in maniera totalmente diversa.

La torta aumenta eccessivamente la glicemia, peggiora la funzionalità tiroidea, riduce il metabolismo, rallenta tutte le funzioni digestive ( ci vogliono 3 ore per digerire una fetta di torta), e danneggia la flora batterica.

Al contrario, le calorie introdotte attraverso il consumo della mela, agiscono in maniera totalmente più salutare, poiché è un cibo ricco di fibre, che pulisce il tratto digestivo, e mantiene una flora batterica sana.

Inoltre, la mela viene digerita dall’organismo in soli 30 minuti, depura e disintossica il fegato, è ricco di vitamine, minerali ed antiossidanti, che ringiovaniscono il corpo.

È facile da capire, vuoi dimagrire, elimina tutto il cibo spazzatura, e basa la tua dieta su cibi naturali ricchi di micronutrienti.

Alimenti da evitare

Tutti gli alimenti  poveri di nutrienti, che aumentano la glicemia, peggiorano l’equilibrio ormonale, infiammano le mucose intestinali, e facilitano l’aumento di peso corporeo, devono essere totalmente banditi dal tuo regime dietetico.

I cibi da eliminare sono:

  • bibite gassate
  • alcolici
  • carne rossa
  • cereali raffinati (pasta bianca, avena non integrale, riso bianco ecc..)
  • dolci, dolciumi, torte, biscotti, merendine ecc..
  • patatine, snack salati
  • salumi e carni processate
  • latticini ( non consumare una quantità eccessiva di latticini, poiché aumentano la prolattina, un ormone che facilita l’aumento di peso. Inoltre, infiammano la mucosa del tratto digestivo. Potresti optare per uno yogurt greco ricco di proteine, e povero di grassi. Se hai paura di non assumere abbastanza calcio dalla dieta, potresti optare per i semi di sesamo, uno degli alimenti vegetali più ricchi di calcio. Allo stesso modo, sarebbe meglio, limitare anche i cibi ricchi di glutine, e preferire i cereali integrali, come il riso integrale, meglio se nella varietà rossa o nera, poiché più ricca di antiossidanti molto preziosi per il benessere del corpo.
In generale sarebbe da evitare tutti i cibi trasformati dall’uomo,

Cibi da consumare

Gli alimenti su cui basare la propria alimentazione sono:

  • frutta
  • verdura
  • cereali integrali
  • legumi
  • frutta secca
  • semi oleosi
  • pesce
  • carne bianca
  • spezie
  • erbe aromatiche
  • olio extra vergine d’oliva

Conta sempre le calorie

Molte persone credono di mangiare poco, quando invece stanno assumendo un quantitativo eccessivo di calorie.

Devi sempre conteggiare le calorie di ogni pasto, e  se vuoi dimagrire, devi consumare una dieta con un deficit calorico.

Vuoi ingrassare = Calorie dieta > metabolismo basale

Vuoi dimagrire = Calorie dieta < metabolismo basale

Esempio: Se il tuo organismo ha un metabolismo basale di 1500 Kcal, devi seguire una dieta di 1200-1250 Kcal, per poter effettivamente ottenere una perdita di peso. È consigliabile consumare una dieta che contenga 250-300 Kcal in meno del nostro metabolismo basale.

Molte persone mi domandano: Ma scusa, non è meglio abbassare ulteriormente la quota calorica. Meno calorie = Più chili persi, no?

Assolutamente no, se abbassi ulteriormente le calorie della dieta, rischi di catabolizzare eccessivamente la massa muscolare (meno muscolo = riduzione delle calorie consumate a riposo), subire un eccessivo stress psicofisico, che può portare ad effetti collaterali anche gravi ( malnutrizione), ma soprattutto il corpo si difende da questa improvvisa diminuzione calorica, abbassando ulteriormente il metabolismo.

Questo abbassamento metabolico improvviso può rendere vano tutti i nostri sforzi di dimagrire.

Il nostro obbiettivo è quello di perdere peso in modo sano e naturale

Clicca qui per calcolare il tuo fabbisogno calorico

Fare abbinamenti alimentari sbagliati

Questo è un fattore molto importante, molto sottovalutato dalla maggior parte delle persone.

Se vuoi eliminare i chiletti antiestetici sulla pancia, sui fianchi, o sulle cosce, devi necessariamente evitare di mischiare eccessivamente gli alimenti tra di loro.

Mischiare più alimenti, rende più lunga la digestione, compromettendo la salute del microbiota intestinale.

Esempio: Invece di mangiare 100 grammi di tacchino, 50 grammi di pollo, 30 grammi di finocchio, 30 grammi di pomodoro, 30 grammi di lattuga, e 15 grammi di pinoli grattugiati, è meglio mangiare 150 grammi di tacchino + 200 grammi di finocchio.

Quando il microbiota intestinale è ricco di batteri patogeni, l’organismo è a maggior rischio di patologie digestive, come:

  • sindrome del colon irritabile
  • colite ulcerosa
  • gastrite
  • costipazione
  • diarrea

Un intestino costipato, o irritato, non può assolvere alle sue normali funzioni, che si traduce in una difficoltà ad eliminare i chiletti di troppo.

Ad esempio: Se vai al bagno meno di tre volte alla settimana, l’organismo è costipato. La costipazione rallenta le funzioni digestive, diminuisce il metabolismo, rendendo difficoltoso il drenaggio dei liquidi in eccesso, e favorendo la comparsa della cellulite.

L’organismo agisce come un’unità, e non come scomparti indipendenti. Se vuoi dimagrire, e perdere i chili di troppo, l’organismo deve essere al massimo delle sue forze.

Consuma abbastanza proteine

Studi scientifici hanno dimostrato che le diete ricche di proteine possono favorire la perdita di peso.

Le proteine aumentano la sazietà, riducendo la grelina, un ormone che se presente in eccesso ci spinge a consumare un quantitativo di cibo superiore alla norma.

Inoltre, le proteine aumentano la massa muscolare. Un Kg di massa magra consuma una quantitativo di calorie a riposo, quasi doppie, rispetto a quelle consumate da un chilo di massa adiposa.

Inoltre, l’organismo per digerire un grammo di proteine consuma un quantitativo calorico superiore (20-30%), rispetto alle calorie consumate per digerire un grammo di carboidrati o grassi (5-15%).

Non bevi abbastanza acqua

L’acqua è un liquido molto importante ai fini dimagranti, poiché migliora tutte le funzioni corporee, riduce l’appetito, e aiuta ad eliminare le scorie e le tossine in eccesso.

Un corpo pieno di tossine, è un corpo intossicato, che ha un metabolismo lento ed inefficiente.

Cerca di bere almeno 1.5 litri di acqua minerale naturale al giorno. Puoi arrivare a questa quota d’acqua, anche attraverso il consumo di tisane drenanti o depurative.

Non consumare alcolici, bibite gassate, o altri liquidi ricchi di calorie vuote, come i succhi di frutta industriali.

Pratica l'esercizio fisico

L’attività fisica, oltre ad essere un toccasana per la nostra salute e vitalità, è un fattore di primaria importanza per facilitare la perdita dei chili di troppo.

Ha molti benefici sulla perdita di peso, che includono:

  • una migliore ossigenazione del corpo. Un sangue più ricco di nutrienti, migliora tutte le funzioni dell’organismo. 
  • aumenta la produzione degli ormoni tiroidei
  • migliora la sensibilità insulinica
  • aumenta il dispendo energetico a riposo
  • protegge la massa magra dal processo dimagrante
  • disinfiamma la mucosa del tratto digestivo. Un tratto digestivo infiammato non può svolgere correttamente le proprie funzioni
  • migliora il microbiota intestinale

Puoi praticare la corsa, la camminata veloce, la cyclette, il ciclismo, il nuoto, la corsetta sul posto, i balzi, il vogatore ecc..

Ci sono moltissime attività che puoi scegliere di fare, sia in casa, che all’aperto.

L’importante è praticare qualche forma di attività fisica, in modo costante e continuo.

Eccesso di stress

Se sei continuamente agitata, stressata, o ansiosa, la tua difficoltà a perdere i chili in eccesso potrebbe dipendere da un eccesso di emozioni negative nella tua vita.

Lo stress aumenta la fame nervosa, aumentando l’appetito verso tutti quei cibi ricchi di calorie, come il gelato, le patatine, i dolciumi ecc..

Allo stesso modo dei pasti ricchi di carboidrati, lo stress aumenta la grelina, un ormone responsabile delle nostre crisi alimentari. Non ti è mai successo, che dopo una giornata stressante a lavoro, o dopo una delusione amorosa, ti sia fiondato subito su un bel bicchierone di gelato?

Bene, il binomio, stress = cibo spazzatura, è causato proprio dalla grelina.

Puoi limitare lo stress, e le tensioni accumulate durante la giornata, effettuando esercizio fisico, stretching, o attraverso la pratica della meditazione mindfulness.

La meditazione mindfulness, conosciuta anche come meditazione consapevole, è una pratica antica, che favorisce il rilassamento muscolare e psicofisico, eliminando ogni tensione, o emozione negativa accumulata nel nostro corpo.

 

Carenza degli ormoni tiroidei

Stai seguendo una dieta dimagrante, e vai in palestra, ma non riesci comunque a dimagrire?

La tua difficoltà a perdere peso potrebbe dipendere da una carenza degli ormoni tiroidei.

Potresti soffrire di ipotiroidismo lieve, o più conclamato. Più i sintomi che ti andrò ad elencare sono gravi, e maggiore è il rischio che la difficoltà a perdere i chili di troppo, possa dipendere da un’ipofunzionalità della tiroide.

I sintomi associati all’ipotiroidismo sono:

  • costipazione o stitichezza ( vai al bagno meno di tre volte a settimana)
  • pelle secca
  • sbalzi d’umore
  • temperatura corporea bassa. (meno di 36 gradi)
Se la difficoltà a dimagrire è strettamente correlata ad una mancanza di ormoni tiroidei, ti consiglio di utilizzare un buon integratore naturale per supportare la salute, e la produzione ormonale della tiroide.
 

Perché non dimagrisco? Potrebbe dipendere da una digestione debole?

Se hai problemi digestivi, come flatulenza, eruttazione, sindrome del colon irritabile, o malassorbimento intestinale, l’eccesso di peso, può essere causato da un fuoco digestivo debole.

Una buona digestione è alla base di una buona salute.

Le migliori strategie naturali per migliorare il fuoco digestivo, e potenziare tutta la digestione sono:

  • le spezie. Le spezie sono utilizzate da sempre per eliminare tutti i problemi digestivi, come l’eccesso di gas intestinale, il transito intestinale lento, e altri problemi digestivi di varia natura. Potresti consumare un bel bicchiere di acqua calda con un pezzettino di zenzero per migliorare tutta la digestione.
  • Praticare la respirazione del fuoco. La respirazione del fuoco è una pratica millenaria che aumenta la forza del fuoco digestivo, utilizzato soprattutto per combattere indigestioni alimentari.
  • utilizzare un buon probiotico: Un buon probiotico migliora la composizione del microbiota intestinale, favorendo la salute del tratto digestivo. 

Il mio organismo è eccessivamente carico di tossine?

Se gli organi emuntori non riescono più a disintossicare, e depurare efficacemente l’organismo, le tossine e le scorie acide possono rimanere intrappolate nei tessuti del corpo.

Cellulite, ritenzione idrica, e sistema linfatico pigro, sono tutti termini utilizzati per descrivere un organismo ricco di tossine, e scorie acide.

Oltre ad effettuare l’attività fisica, e seguire una dieta ricca di cibi naturali, puoi favorire la depurazione, e la disintossicazione del corpo, utilizzando un buon supplemento naturale per rimuovere tutte le sostanze indesiderate dal corpo.

Domande più frequenti

Perché anche se mangio poco non dimagrisco?

Mangiare poco, non serve a nulla, poiché devi trovare un equilibrio nel tuo deficit calorico.

Se hai un metabolismo basale di 1500 Kcal, e segui una dieta con un deficit calorico di 500 kcal, stai consumando un menù eccessivamente povero di calorie, che non ti permetterà mai di dimagrire, poiché avrai il metabolismo azzerato.

Allo stesso modo, l’organismo può diminuire la produzione degli ormoni tiroidei, elementi essenziali per bruciare le calorie a riposo.

Prima di decidere quante calorie consumare, devi conoscere il tuo metabolismo basale.

Se consumi troppe calorie ingrassi, mentre se ne consumi troppo poche, dopo una lieve fase di dimagrimento , il metabolismo si azzera.

Seguo una dieta, faccio palestra, e non dimagrisco, ma perché?

Allo stesso modo di prima, bisogna vedere con che criteri hai impostato il tuo modello dietetico. La tua dieta presenta un deficit calorico di 200-250 Kcal rispetto al tuo metabolismo basale? Stai consumando una buona quantità di proteine? Stai utilizzando solo cibi sani? In che senso fai palestra? Fai “due pesetti” e 5 minuti di corsa lenta sul tapis roulant, o fai 30 minuti di corsa intensa?

Capisci, non basta dire seguo una dieta e faccio palestra, per poter provare che effettivamente stai seguendo tutte le linee guida dell’articolo.

Se invece, stai davvero seguendo tutte le indicazioni descritte in questa pagina, ma non stai comunque perdendo peso, allora potresti soffrire di un leggero ipotiroidismo.

Se oltre alla difficoltà a perdere i chili in eccesso, soffri di costipazione, temperatura corporea bassa, e pelle secca, potresti dover utilizzare un buon integratore per la produzione degli ormoni della tiroide.

Sei riuscita finalmente a sbarazzarti dei tuoi chili di troppo?

Hai utilizzato le informazioni descritte in questo articolo, o hai utilizzato altre strategie dimagranti?

Commenta qui sotto, descrivendo il tuo percorso dimagrante!