In questo articolo scoprirai come perdere 6 kg in una settimana con la dieta chetogenica.

Solitamente il 55-65% delle calorie giornaliere della nostra dieta provengono dai carboidrati. La dieta chetogenica limita l’apporto calorico dei carboidrati a circa solo il 10% o meno.

Lo scopo di questa forte riduzione dei carboidrati è semplicemente quello di favorire l’ossidazione dei grassi, portando alla formazione di corpi chetonici che verranno utilizzati dal cervello come fonte alternativa di energia a fronte di una carenza di glucosio.

Il glucosio è la molecola più facile da convertire ed utilizzare dal nostro corpo. 

Quando si utilizza il glucosio come principale fonte di energia, il nostro corpo non ha bisogno di grasso e lo immagazzina come massa adiposa. Tuttavia, se limitiamo l’assunzione di carboidrati e aumentiamo l’assunzione di grassi e proteine naturali, costringiamo il nostro corpo ad utilizzare il nostro grasso come fonte di energia primaria, per far fronte ad una carenza di glucosio.

In assenza di carboidrati, il fegato converte il grasso in chetoni, un’ottima fonte di energia per il cervello e il cuore.

I chetoni saranno la nostra nuova fonte di energia, che porterà l’organismo in uno stato di chetosi. Questo intero processo porterà ad una rapida perdita di peso.

Mangia cibi meno lavorati possibile

Il consumo di alimenti trasformati è un fattore che favorisce i problemi metabolici. Prima di acquistare un prodotto, prendi l’abitudine di leggere attentamente l’etichetta, ne rimarrai stupito! Dalla maionese alle verdure surgelate fritte, lo zucchero è ovunque.

Con la dieta chetogenica, non sarai condannato a carni bianche alla griglia e verdure al vapore, ma potrai riscoprire il piacere di cucinare da solo piatti deliziosi con ingredienti sani.

Varia le fonti di grasso

La dieta chetogenica si basa sull’aumento della quantità di grasso e molte ricette cheto contengono pancetta e formaggio. Tuttavia, non dovrebbero costituire la parte principale della dieta chetogenica: è necessario variare le fonti di lipidi e favorire i grassi buoni!

Gli alimenti da prediligere nella dieta chetogenica sono gli avocadi , le noci , le mandorle, il pesce grasso, le uova e l’olio extra vergine d’oliva . 

Utilizza un integratore per supportare la dieta chetogenica

Dato che vuoi perdere la bellezza di 6 Kg in una sola settimana occorre utilizzare un integratore naturale 100% naturale, che sia in grado, non solo di promuovere la perdita di grasso, ma che possa velocizzare anche lo stato di chetosi.

Molte persone che presentano problemi di scarsa sensibilità insulinica, come le persone obese o con disordini metabolici, hanno molte difficoltà ad entrare in chetosi. 

Questo integratore svolge un duplice effetto sulla nostra perdita di peso, poiché:

  1. Permette di entrare in chetosi nella metà del tempo
  2. Migliora il metabolismo e il consumo dei grassi

Inoltre, a parte questi effetti dimagranti, è un integratore che promuove il benessere generale dell’organismo, poiché include molte sostanze estremamente benefiche, tra cui:

  1. Cannella
  2. Carnitina
  3. Tè verde
  4. Lino

Alimenti vietati nella dieta chetogenica

I cibi da evitare sono:

  • Pasta, pane, cereali
  • Frutta (in alcune varianti della dieta è consentito il consumo, ma in piccole quantità)
  • Amido (patate, legumi, ecc.)
  • Dolci
  • Alcol
  • Niente che abbia molti carboidrati

Dieta per dimagrire 6 kg in una settimana: Menù di esempio

Adesso ti propongo un menù di esempio per perdere 6 kg in una settimana. 

Nota bene: Non conosco la tua condizione fisica, quindi prima di seguire qualsiasi dieta è consigliabile chiedere un parere medico.

Lunedi

Pranzo

  • 30 g di carote grattugiate + 1 cucchiaino di olio di noci
  • 120 g di vitello + 50 g di funghi + insalata cruda + 20 grammi di semi di zucca

Cena

  • lattuga e 50 grammi di pomodori + 1 cucchiaio di olio d’oliva
  • 250 g di gamberi + 30 grammi di mandorle 
 

Martedì

Pranzo

  • 70 grammi di carciofi scottati + 2 cucchiai di olio d’oliva
  • Merluzzo

Cena

  • 80 grammi di cavolfiore + un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
  • 3 uova sode
  • 1 yogurt di soia al naturale

Mercoledì

Pranzo

  • 50 g di sgombro + 1 cucchiaino di olio extra vergine di oliva + mezzo succo di limone
  • 2 costolette di agnello saltate in padella + 50 g di curry di verdure: zucchine + broccoli + cavolfiore, 
  • 1 quadratino di cioccolato fondente all’85%

Cena

  • 150 g di salmone al cartoccio + 50 grammi di pomodori + un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva
  • 30 g di mozzarella

Giovedi

Pranzo

  • Insalata di indivia (50 g) con noci e 2 cucchiaini di olio extra vergine d’oliva
  • pollo arrosto (1 coscia) + fagiolini (50 g) + prezzemolo

Cena

  • asparagi (50 g)
  • frittatina di due uova con pochissimo olio extra vergine d’oliva + 40 grammi di prosciutto crudo 

Venerdì

Pranzo

  • 50 g di zucca + 25 g di mandorle + curry + coriandolo con 120 grammi di manzo

Cena

  • 1 avocado
  • 1 braciola di maiale saltata in padella 

Sabato

Pranzo

  • insalata di pollo con semi di lino

Cena

  • 150 grammi di petto di pollo + 60 grami di funghi + 50 grammi di pomodoro e prezzemolo + un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva

Domenica

Pranzo

  • tartare di tonno: 50 g di tonno a cubetti + 1 scalogno tritato + 1 cucchiaino di olio extra vergine d’oliva + mezzo succo di limone
  • bistecca saltata in padella  + 30 g di piselli, 2 foglie di insalata e1/2 cipolla piccola

Cena

  • 1 cetriolo
  • 180 grammi di pollo con curry

Benefici della dieta

  • Ha un grande potere saziante dovuto all’elevato consumo di proteine e grassi. 
  • Forte riduzione della percentuale di grasso corporeo poiché il corpo lo utilizza per produrre energia
  • Non si basa sull’apporto calorico, ma sulla scarsa assunzione di carboidrati.
  • Migliora il profilo lipidico

Svantaggi della dieta chetogenica

  • A volte può causare mal di testa a causa della notevole mancanza di carboidrati.
  • I chetoni producono l’alitosi.
  • Poiché la dieta è povera di vitamine, minerali e fibre, ciò può causare stitichezza.
  • Non è adatto a persone con problemi cardiaci o epatici.